Trofeo Città del Mosaico: Quarto posto a Villanova a Spilimbergo

Mette a segno il quarto posto la Polisportiva Villanova Libertas al Trofeo Città del Mosaico dal 1964, la gara internazionale maschile organizzata a Spilimbergo dal Judo Club Fenati domenica 8 ottobre in concomitanza del 37° Memorial prof. Adriana Tiberi, la gara internazionale femminile e giovanile dove il sodalizio ha guadagnato comunque un onorevolissimo 8° posto.

Molti sono stati infatti i grandi risultati ottenuti sui tatami dagli atleti di Villanova, che portano a casa due medaglie d’oro, due d’argento e quattro di bronzo.

Vince infatti la medaglia d’oro con quattro gare al suo attivo Niko Chikaidze (Juonior/Senior 66kg).

Combattono per il trono della categoria Cadetti 81kg Kenny Bedel e Nicolae Bologa. Il vicecampione europeo batte il compagno di squadra in finale. Si aggiudicano rispettivamente la medaglia d’oro e quella d’argento.

Un altro argento arriva con Francesco Sanapo (Cadetti +81kg), che dopo aver superato tutti gli incontri positivamente, viene battuto in finale.

Davide Toffoli (Junior Senior 73kg) vince tre incontri, ne perde uno e guadagna il terzo gradino del podio.

Fra le Cadette arriva il bronzo di Yasmine Dene (70kg).

Ottima la prova anche di Andrea Martin (Esordienti B 66 kg), che vince tre incontri e ne perde uno, guadagnando il terzo posto.

Nella stessa categoria, Vincenzo Castoro arriva al 7° posto dopo aver vinto due incontri e averne persi altrettanti. Il meno fortunato Nicola Castoro perde il primo incontro e non viene ripescato.

La controparte femminile guadagna una medaglia di bronzo con Marianna Bortolin (Esordienti B +63kg). Nella categoria di peso superiore per un soffio (57kg), Alexandra Iordache vince due incontri, ne perde altrettanti e ottiene la quinta posizione in classifica. Giornata no per Chiara Camilot (52 kg), che non riesce a spuntarla e rimane al quarto posto.

Settimo posto per Matteo Visentini (Cadetti 73kg), che vince due incontri e ne perde due.

Emre Bektesh parte bene vincendo il primo incontro, ma viene fermato subito dopo e guadagna il 9° posto.

Sorte avversa per Axel Andrijczuk, che perde il primo incontro senza possibilità di essere recuperato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: